Dieta anti cellulite

Quante donne guardandosi allo specchio si lamentano per la presenza della cosiddetta pelle a buccia d’arancia su determinate zone del loro corpo? La cellulite è un inestetismo che colpisce il tessuto adiposo sottocutaneo e si presenta come un’alterazione della regolarità dello strato superficiale della pelle in precise aree del corpo: per contrastare questo problema bisogna cercare di condurre uno stile di vita sano, bere tanta acqua, fare un po’ di esercizio e seguire una dieta anti cellulite.

Cosa evitare e cosa usare con moderazione

Cosa si intende per dieta anti cellulite? Per contrastare la pelle a buccia d’arancia bisogna seguire un’alimentazione più equilibrata e sana, rispettando delle scelte nutrizionali ben precise. Innanzi tutto facciamo chiarezza sui cibi che andrebbero evitati: dovrebbero sparire dal nostro menù quegli alimenti che sono troppo ricchi di zuccheri e di grassi (dolci, fritti, salumi, bibite gassate e alcolici) e il sale (per insaporire i piatti sarebbe meglio puntare su altre spezie).

Bisogna preferire le cotture al vapore, alla griglia o al forno ed evitare di utilizzare burro e olio per cucinare; l’olio di oliva può essere utilizzato a crudo (ovviamente in quantità moderate). La verdura fa molto bene, ma non bisogna esagerare con quella cruda, ricca di sali minerali che possono favorire la ritenzione idrica: bisogna consumare più verdura cotta (magari al vapore) optando per melanzane, porri, cavolo e peperoni.

Cosa non può mancare nella dieta anti cellulite

Vediamo invece ora quello che non può assolutamente mancare in una dieta anti cellulite:

  • proteine (da uova e carni bianche), contribuiscono allo sviluppo muscolare e obbligano l’organismo a prendere energia dalle cellule grasse;
  • pesce e frutti di mare, ricchi di acidi grassi, hanno proprietà antiinfiammatorie e non fanno gonfiare i tessuti;
  • frutti rossi, ricchi di vitamina P: migliorano la circolazione sanguigna e favoriscono la rigenerazione cellulare;
  • alimenti ricchi di ferro, favoriscono il trasporto dell’ossigeno nel sangue;
  • vitamina C (presente soprattutto nella frutta), rinforza le pareti dei vasi sanguigni;
  • potassio (contenuto nella frutta secca e in molte verdure a foglia verde), favorisce il drenaggio linfatico;
  • alimenti integrali (pane, pasta, riso, cereali), assorbono le tossine e danno una sensazione di sazietà. Attenzione però, perché pasta e riso vanno consumati con moderazione, soprattutto se non si pratica un po’ di attività fisica;
  • acqua.

Esempio di menù anticellulite

Considerando quanto detto fino ad ora potremmo cercare di stilare un esempio di menù della dieta anti cellulite composto da cinque pasti giornalieri. Si può cominciare la giornata con una colazione con tè, caffè o tisana accompagnati da due fette biscottate oppure con del latte a basso contenuto di grassi con corn flakes o muesli; a metà mattina lo spuntino può consistere in frutta (uva, mela, avocado, pesca o anguria). A pranzo si può optare per un primo come la pasta integrale alle melanzane o un risotto integrale ai peperoni o alle zucchine, ma anche per una zuppa di pesce e insalate.


Puoi leggere anche:


La merenda perfetta può essere rappresentata da uno yogurt scremato, accompagnato magari da una tisana anti cellulite. Se a pranzo abbiamo scelto di mangiare un primo, a cena si può optare per un secondo: filetto di spigola o di orata, roast beef, frutti di mare sono ottime soluzioni (si possono alternare anche con un po’ di formaggio o di ricotta), magari accompagnati da lattuga, cetrioli o pomodori e due fette di pane integrale.